Il prodotto è stato aggiunto al suo carrello acquisti.
Al carrello

Strumento musicale fai da te

Creare dei suoni con i magneti
Autore: Pasi Rajamäki, Finlandia
Online da: 28.08.2023, Numero visite: 3617

Servendomi di magneti a disco, parallelepipedi magnetici, viti e dadi, realizzo i miei strumenti musicali. A seconda della dimensioni dei magneti, lo strumento produce diversi suoni che posso accordare manualmente. Per prima cosa mi serviva una cassa di risonanza a cui fissare i magneti. Per il mio strumento musicale ho utilizzato un pezzo di metallo bianco. Se non avete a disposizione una cassa di risonanza, potete utilizzare anche una lastra di metallo.
Nota del team di supermagnete:
Una cassa di risonanza è uno spazio cavo, solitamente in legno o metallo. Ha lo scopo di amplificare i suoni prodotti.

Posizionare i magneti

Il mio strumento musicale fai da te ha otto suoni. Come base mi sono servito di 16 parallelepipedi magnetici del tipo Q-40-10-05-N. Ho appoggiato sul metallo due di questi magneti per volta e li ho posizionati in modo che il polo nord di un magnete e il polo sud dell'altro magnete fossero rivolti verso l'alto. Poi vi ho appoggiato sopra un disco magnetico, un cilindro magnetico o un anello magnetico e un cubo magnetico (trovate i link ai magneti in basso). Ho posizionato questi magneti in modo che fossero centrati sulla fessura presente tra i due parallelepipedi magnetici. Non preoccupatevi, non è possibile posizionare i magneti in modo sbagliato: c'è solo un modo per posizionarli correttamente. I due magneti si respingeranno.
Nota del team di supermagnete:
I magneti utilizzati hanno forze di attrazione molto elevate. Fate attenzione alle dita e agli oggetti circostanti nel caso in cui i magneti dovessero attrarsi involontariamente. A causa dell'enorme forza di attrazione, quando i parallelepipedi magnetici vengono spostati possono anche danneggiare il rivestimento della cassa di risonanza (in questo caso il metallo bianco). Utilizzate quindi come cassa di risonanza un oggetto che possa essere graffiato.

Fissare bulloni e dadi

Ho poi fissato i bulloni e i dati. Anche questi devono trovarsi sulla fessura centrale tra i parallelepipedi magnetici. Ho usato i seguenti bulloni:
  • Bulloni lunghi 25 mm* con filettatura M10
  • Bulloni lunghi 30 mm* con filettatura M8
  • Bulloni lunghi 30 mm* con filettatura M6
* solo il gambo filettato, la testa esagonale non è inclusa.

Ed ecco pronto lo strumento musicale magnetico. Per creare dei suoni, pizzicate il disco magnetico: la vibrazione produce un suono. È possibile regolare i diversi suoni stringendo o allentando i dadi. Ho accordato il mio strumento su una scala di Do maggiore. Poiché è difficile suonare due o più suoni veloci con un solo dito, mi sono anche servito di un plettro, che aiuta a suonare più velocemente. Permette di produrre suoni tramite movimenti verso il basso e verso l'alto.

Il mio consiglio: se non avete un sintonizzatore, potete scaricare delle buone applicazioni per il cellulare. Sui dispositivi Android, ad esempio, funziona bene l'app "Pano tuner".

Oltre alla variante qui descritta, ci sono altri modi per creare i propri strumenti musicali. Gli strumenti magnetici sono facili da riprodurre. Il video YouTube di Magnetic Games presenta anche altri modi fantastici per fare musica con i magneti. Il video YouTube di Magnet Tricks mostra anche come incorporare i suoni di uno strumento musicale magnetico nel vostro prossimo brano.

Buono a sapersi

L'altezza dei toni dello strumento con magneti è influenzata da due fattori principali:
  1. Le dimensioni del magnete vibrante. Più pesante è il disco magnetico, più profondo è il suono che emette.
  2. La distanza che il disco magnetico ha a disposizione per vibrare. Minore è la distanza, più alto è il suono che emette.
Quando scegliete i magneti e le viti per il vostro strumento musicale magnetico, dovreste considerare i seguenti aspetti:
Se volete sperimentare con magneti diversi, scegliete cubi e dischi magnetici delle stesse dimensioni. I due magneti devono avere la stessa larghezza.
Se desiderate utilizzare dischi magnetici alti più di 12 mm, vi serviranno anche dei parallelepipedi magnetici più grandi. Se il disco magnetico è troppo grande per i magneti, inizierà a inclinarsi come mostrato nella figura. Questo influisce sulla creazione dei suoni.
Il diametro del gambo del bullone deve essere simile alla dimensione del relativo cubo magnetico. Se sono molto diversi, queste parti si muoveranno in modo scorretto.
Attenzione: se si dispongono i singoli gruppi di magneti troppo vicini tra loro, i dischi magnetici che vibrano si influenzeranno a vicenda. Assicuratevi quindi di distanziare sufficientemente i magneti.

Cassa di risonanza come amplificatore

Una cassa di risonanza amplifica i suoni. Un oggetto pesante, come una bombola del gas, funziona in modo ottimale come amplificatore. Se invece la vostra cassa di risonanza è molto leggera, come ad esempio una scatola di biscotti, è necessario fissarla a un tavolo o a qualcosa di pesante: in caso contrario, il contraccolpo dei magneti vibranti farà tremare l'intero strumento e smorzerà le vibrazioni. Per lo strumento magnetico non serve utilizzare necessariamente una cassa di risonanza: una lastra di metallo fissata a un tavolo di legno, come nel mio caso, è sufficiente per amplificare notevolmente il suono. Io ho fissato il metallo bianco al tavolo con dei magneti. È possibile amplificare il suono anche con un microfono a contatto (piezoelettrico).

Sono possibili delle variazioni

Questo modo di generare suoni non è privo di problemi. Se si sposta il disco magnetico in diverse posizioni, si sentiranno chiare differenze nei suoni. Questo perché diversi punti del disco magnetico entrano in contatto con i parallelepipedi magnetici. Inoltre i dettagli geometrici dei magneti non sono perfetti, anche se si utilizzano Supermagneti di altissima qualità. Ogni magnete è unico, di conseguenza presentano imperfezioni nei campi magnetici.

L'intero contenuto di questa pagina è protetto dal diritto d'autore.
Senza espressa autorizzazione, non è permesso copiarne il contenuto né utilizzarlo in alcun'altra forma.